Around Australia on a Motorcycle – The Video


DSC_9181

The arrival day in Sydney, after 7 months riding and 37000 km on the odometer.

Finally, after ONLY 5 months since my return to Sydney, I was able to actually put my hands on all the 350 GB of footage, that I’ve collected along my 7 months of travelling around Australia.
It has been a long process of selecting, importing, trimming, compressing, crawling, cross-fading, rendering and all the other funny words that you probably just heard of, but don’t necessarily know what they mean, about video editing.
What actually matters, at the end, is the final result, which is the video below; It makes me smile every time i watch it, so I hope it would do the same for you.

Post processing is always a bit tedious and usually takes a long time, but I have to say that It’s also quite entertaining to go through all the clips recorded with my GoPro and be reminiscent of those good times, spent riding in the middle of nowhere, swimming in beautiful waters, hanging out with some incredible people and simply enjoying the freedom of living in the moment.
I’m very thankful, after all, that I actually made it back to Sydney without a scratch, with the same bike and with a smile on my face.

DSC_8494

Riding a motorcycle by yourself can be sometimes dangerous; as dangerous as cycling in the city or running down the stairs.
It’s just a different kind of danger.
So I’m very happy that I got the chance to experience this incredible country in this remarkable way.

Anyway, I hope you’ll like this video and please watch it in full Screen, in HD and full Volume.
Of course it’s not like riding around Australia, but I believe It does give an idea of how great does it feels like.

Please share, like and comment.

thanks

New year Revolution


motivational quoteHi!

First of all, I hope you all had a great holiday with your family and friends.
Christmas and New Year Eve are the first big occasions in the western world to spend some quality time with our dears.

I personally spend my Christmas at the beach, lifesaving with the other volunteers.
The weather was absolutely amazing and it was such a pleasure to spend some good time surfing, swimming and rescuing unexperienced bathers from the rough waters of our beaches! 🙂

But let’s talk about today’s post.
I have so many news that I don’t even know where to start from.

I know, it’s not going to be on national television for its relevance, but personally I had one of the most intense month of my life.

Let me sum it up for you.

First of all, I officially became an Australian Citizen!
Paolo suit(Apologies for the massive picture cropping).
That’s right! Wooooho !!
I can finally say that I’m Australian!
So happy to be part of this great nation and its people!!!

Aussie Aussie Aussie!! Oi Oi Oi !!

But, believe it or not, this is the smallest of the news i have to give you, dear friends.

As you may already know, I’m a keen motorbike rider. Matter of fact, my only possession is my motorcycle, which is my pride and satisfaction.
So, a couple of weeks ago, I decided to give a real good wash to my adored Pegaso.
This is how “my baby” used to look before:
DSC_0546-1
this is how she looks now:ktm 1190 adventure

I know, right?!?
It’s incredible what soap, a good brush and a year worth of saving can do. 🙂
Like a caterpillar becomes a butterfly, my little steel horse became a strong and powerful steed.
Such a remarkable event deserved a proper initiation, so I decided to give my motorbike a name. I mean, she’s going to be my companion for a long time so I should better baptise her with a proper appellative.
Well, ladies and gentleman, let me tell you that, there wasn’t any other name on the list other than….my beloved BRONTE.
She will always remind me of my “happy place” and the wonderful time I had here during the past 4 years. She will remind me of where I come from and where I feel most at home.

But let’s move on to the next big news. This is probably the biggest one.
So, what happened really?

Well, I quit my job.

Yep.
I know, right?
Well, It’s not over yet.
Starting from February 2015, I’M GOING TO RIDE MY MOTORCYCLE AROUND AUSTRALIA, solo and unassisted, for one year!
Yep, that’s right. I’m taking a 30000 km trip around one of the most beautiful continent in the world.
I’m so happy just thinking about it!
I can’t wait to start the engines and embrace my adventure!
Around Australia
Now, the question that comes spontaneously in everybody’s mind is: WHY?

Why leaving my beautiful life in Bronte?
Well, the answer is very simple.
My life here in Sydney is at the edge of perfection.
I live close to the ocean, I have a fabulous job, I live an healthy life, I do all the activities that i love and my weekends are spent mostly volunteering at the beach.
I’ve been working for the past 4 and a half years with no breaks, whatsoever.
I reached a point in my life in which I think I know what I really need to be “happy”, but somehow I felt that something was missing.
Something inside was telling me that there’s more to see, more to discover, about myself mostly and about this great place, that i can now finally call home.

I believe that a road trip of this magnitude can be done probably once in a lifetime; this moment in my life is the perfect time to do this.
Embracing a new journey, a road trip or a new adventure, has in itself more than meets the eyes. It often allows the adventurer to discover himself through new places and new situations which he has never been exposed before.

It’s a voyage, in which the obvious goal is not reaching the destination, but enjoying every step of it.
Sometimes, you are driven toward a new horizon by your soul not your desire, and there’s nothing you can do but listen to it.
You can try to fight that little voice that tells you to go, to do or to see…..but it’s like you know already that one day you are going to regret it if you don’t do what it tells you to do.
You know it’s right because IT’S YOU TELLING YOURSELF what it’s right for you.

Dropping everything from your life and sail toward and unknown destination is quite scary I have to say.

It requires preparation, determination and a bit of madness. 🙂
I had to ponder about it for a long time before actually starting to put pieces together.

The price to pay to achieve your dreams, sometimes it’s really high, like abandoning your “stability” and betting everything you have on yourself and the IDEA OF YOURSELF, that you have so clearly depicted in your mind.
It’s a BET.
It’s a CHALLENGE.
It’s EXCITING.
It’s SCARY.

IT’S LIFE.

I’ll keep you guys posted.

Happy new year, people!
This 2015 for me will be the YEAR OF THE REVOLUTION!

Me and Bronte

enjoy.

La verità sulla crisi in Italia


Sono tornato dalla mia vacanza in Italia, da qualche settimana ormai.
4 settimane nel bel paese, che m’hanno devo dire illuminato.

Il 15 Ottobre era pure il mio compleanno e, come da qualche anno a questa parte ormai, ho passato la mia giornata speciale sull’aereo, fuggendo da Milano ad Abu Dhabi.
Passare il compleanno su un aeroplano, invece della solita torta e candeline con amici e parenti, è forse il regalo più bello che io mi possa fare, a mio parere.
Alla fine, se dovessi scegliere un luogo che rappresenti me ed il mio stato in questo momento, sarebbe sicuramente su un aereo…
…circondato da gente che non conosco proveniente da ogni parte del mondo, volando tra le nuvole a 10000 metri d’altezza e viaggiando verso una destinazione che spesse volte e’ ancora tutta da scoprire.
Cosa c’è meglio di questo per festeggiare il proprio giro di boa!!!?

A parte questo, devo ammettere che gli “anni di cristo”(+1) si fan sentire, non tanto per il fattore fisico, che grazie a dio non mi da grossi problemi, ma quanto per il fattore sociale.
I miei amici….quasi tutti sposati o conviventi.
Quasi tutti con figli, chi il secondo addirittura….altri già divorziati.
Quasi tutti con una carriera avviata ed una strada spianata di fronte a loro per i prossimi 40 anni.
Totalmente l’opposto della mia vita, ovviamente: single, senza fissa dimora ed a caccia della prossima avventura.

Rivedere tutti gli amici di un tempo e sentirsi un po’ spaesato, m’ha fatto sentire come un alieno piombato in una città affollata con la sua astronave; tutti ti guardano un po’ scioccati ed incuriositi, mentre tu stesso cerchi di capire cosa ti sia successo e perché ti senti così fuori luogo, nel posto che invece ti dovrebbe far sentire più “a casa” al mondo.

Le impressioni quindi che ho avuto dell’Italia questa volta, sono state decisamente diverse da quelle che pensavo mi aspettassero, considerati i feedback ricevuti due anni fa durante l’ultimo mio viaggio in Italia, dove “la crisi” era sulla bocca di tutti.

Questa volta, una cosa m’è saltata all’occhio immediatamente: Niente più crisi, ragazzi.
La crisi è finita.
Dite di no? Le cose sono 2: O la crisi non c’è più o la gente s’è solamente ADATTATA a questa nuova situazione ed ha ripreso la vita regolare di tutti i giorni, senza più spauracchi da macroeconomia.
In giro…. ho visto solo macchine nuove, gente con vestiti firmati, ristoranti, pizzerie, steak houses, sale slot machines, agenzie del lavoro ad ogni angolo e centri commerciali pieni.

Per cui, a rigor di logica, la crisi economica non c’è.
La gente alla fine, sta bene, diciamocelo pure. Concetto relativo, ma a mio avviso è cosi.
Il pane in tavola ed un tetto sulla testa non ci mancano.
Anche chi e’ senza lavoro, sta bene. Non voglio generalizzare, ma in fondo in fondo, se uno cerca, un lavoro sono sicuro che lo trova.
Se lo trovano gli immigrati, che hanno già i loro problemi ad integrarsi, figuriamoci un italiano!
Magari non ben pagato o non quello dei propri sogni, ma un qualcosa lo si trova sicuro.

La gente pero’ non manca mai di lamentarsi, ovviamente; ma questo è un po’ nella natura dell’uomo (e dell’italiano soprattutto) che ha tendenze a volersi migliorare sempre….quindi trova spesse volte nel lamentio, il modo per sfogare le proprie frustrazioni di non progressione e di stanziamento in una situazione che magari non gli va proprio a genio.
Il lamentarsi è il modo che l’italiano ha di fare la sua piccola “rivoluzione personale”.
L’italiano, quando si vuole ribellare, lo fa in diversi modi:
può prendere e stravolgere tutto, comportando gravi squilibri alla propria quiete personale, oppure si può ribellare in modo più facile e confortevole, lamentandosi in modo verbale, che le cose non vanno come dovrebbero e che si vorrebbe fare questo e quello, senza effettivamente poi fare niente a riguardo.

Credo che con questo, alla fine, la gente cerchi solo di sentirsi un po’ più viva.

Non tutti sono alla ricerca di cambiare veramente la propria vita; molti sono solo alla ricerca del “nuovo sogno” da inseguire, per poterne parlare al bar o per avere un nuovo obbiettivo per cui lottare ed andare avanti.
Quello che m’e’ difficile capire è perché la gente si ostina a NON FARE…..A NON TENTARE, di migliorare la propria vita veramente, per non rischiare di buttare via un esistenza che, a quanto dicono loro, non gli va giù.
Se proprio non ti piace la tua vita e la vorresti cambiare, cos’hai allora da perdere?
Per come la intendo io e per come e’ generalmente concepita dalla collettività, la vita è comunque una gran palla, diciamocelo!
Almeno, a mio modesto parere. 🙂
Ok, ok…..calmi ragazzi!
Mi spiego meglio.
Ti svegli, vai a lavoro, torni a casa, mangi, vai a letto. And repeat.
1 volta a l’anno vai in ferie quando ci vanno tutti (lamentandoti poi che c’è bordello), compri casa a massimo 10-15km da quella dei tuoi genitori, vai a convivere, ti sposi, fai figli, metti via i soldini per un domani “che non si sa mai”, e poi quando finisci di lavorare (ah, tra l’altro ora è fino a 70 anni, mi dicono) spendi i tuoi risparmi per curarti tutte le malattie di merda che c’hai che ti sono venute perché ovviamente…hai lavorato fino a 70 anni.
Non vi sembra una palla a voi?? Non vi pare che ce l’abbiano venduta un po’ troppo bene per quello che veramente e’ ?
Sarà, ma a me sa un po’ di fregatura.

Qualcuno un giorno disse “Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine…”
Forse questa persona non aveva tutti i torti perché fondamentalmente, è proprio contrario alla natura umana.
evolution_of_manNoi, esseri in continuo cambiamento a livello cellulare, ci mettiamo di fronte ad una realtà sedentaria e statica, che ci crea dipendenza, che ci da sicurezza, che ci rende pigri e che ci rende schiavi alla fine…
Siamo esasperati dal fare la stessa cosa tutti i giorni, dall’andare al lavoro, dal metterci in fila nel traffico, dalle tasse, dai politici, ecc, e cerchiamo di ribellarci o di “rallegrare” un po’ la nostra esistenza comprandoci cazzate che non ci servono.

Siamo talmente sicuri e tranquilli che il nostro futuro sarà ricolmo delle stesse cose ogni giorno, che il solo pensiero che qualcosa cambi della nostra routine, ci fa paura, ci blocca e ci fa incazzare, perché ormai “comodi” sulle nostre poltrone ad osservare la vita scorrere.
Il cambiamento alla fine c’impaurisce, invece che stimolarci ed incuriosirci.

La monotonia invece ci tiene in vita.

Il nostro non metterci in discussione, il nostro non essere continuamente stimolati, non ci permettono di capire poi se siamo in grado di affrontare una nuova sfida, in caso poi arrivi veramente la necessita’ di cambiare.
La “vita tranquilla” alla fine ci rende fondamentalmente spaventati ed insicuri di noi stessi, di fronte alla novità ed al cambiamento.
O forse è solamente pura pigrizia, insita proprio dell’essere umano in se.

Creative-mottoMi sono accorto che vivo in unasocietà assurda.
Sembra che siamo noi quelli messi bene, nelle nostre fredde casette di cemento e ferro, tutti tristi e mogi a bestemmiare per quanto siamo stanchi di lavorare, invece che vivere “nelle capanne del terzo mondo”, dove tutti stranamente non hanno un cazzo ma hanno sempre il sorriso stampato sul volto.
Noi per avere la macchina, le scarpe firmate e il cibo in scatola nel frigo, lavoriamo tutto il giorno come degli stronzi e ci ammaliamo “di stress” ogni due per tre, mentre quei “poveracci” delle capanne, sono senza scarpe, tutti sporchi (ma senza una malanno) e campano fino a 200 anni.

Noi siamo quelli che passano la giornata a fare “gli schiavi” ed a lavorare per gli altri per la maggior parte della nostra settimana e della nostra vita.
C’innamoriamo del rituale caffe’-sigaretta, ci svegliamo a fatica la mattina ed alla lunga facciamo anche fatica ad addormentarci la sera, mangiamo di fretta schifezze già pronte, c’imbottiamo di medicine che ci distruggono perché crediamo che lavorare sia più importante che prenderci cura del nostro corpo.
Ci ritroviamo poi a correre in una stanza chiusa, piena di specchi e  gente in vestitini attillati alla moda,  sopra un tappeto che si muove da solo, per sudare e buttare giù il grasso e le schifezze che abbiamo mangiato, bevuto e fumato fino a 10 minuti prima.
C’indebitiamo fino alla morte per comprare una casa che non ci possiamo permettere, solo per stare tranquilli ed “essere sicuri” che tra 30 anni avremo finito di pagarla alla banca ed avremo un posto dove poterci rintanare, malati a lamentarci sulle medicine che dobbiamo prendere tutti i giorni per la pressione alta (se ci va bene) e a bestemmiare sulle nuove generazioni che non hanno voglia di far niente.
Chiediamo soldi alle banche, che ci terranno per i coglioni finchè non sputeremo l’ultima goccia di linfa vitale che c’è rimasta, per comprarci roba inutile; televisori 3D 1000 pollici  per guardare programmi televisivi del cazzo, senza senso, e pubblicità che ci fa il lavaggio del cervello. Ci compriamo cellulari da 1000 euro del cui potenziale utilizziamo solo il 3% (telefonare, messaggi e foto) per fare delle conversazioni tipo “butta la pasta che arrivo” o “hai visto Jessica che scarpe aveva l’altra sera?”, con gente che vediamo comunque tutti i giorni e che probabilmente abita al massimo a 15km da casa nostra.
Ci compriamo macchine potenti e SUV a rate, che non ci stanno nemmeno in strada e che non possiamo parcheggiare in paese, solo fondamentalmente per farci vedere dal vicino di casa o dagli amici.
Ci spariamo le pose l’un l’altro sui social networks, facendo un sacco di selfies del cazzo con la boccuccia a culo di gallina, senza mai pero’ spendere un secondo per guardarci dentro e vedere che persone siamo diventate.
Facciamo figli come comprare vestiti, crescendo poi un branco di coglioni viziati muniti di cellulari, che andranno a gestire la nazione ancora peggio di quei quattro farabutti che sono su ora.
Viviamo vite degli altri. Ci vestiamo tutti uguali, ci pettiniamo come gli One Direction e ci mettiamo dei pantaloni che sono scomodi per sembrare più fighi.
Vogliamo fare tutti i calciatori, le veline, o diventare stelle del cinema, senza poi considerare il fatto che la quasi totalità di quei personaggi qui, sono tutti belli e ricchi ma fottuti nelle loro vite private ed a livello sociale e psicologico.

La crisi….
Ma quale crisi?!
In Italia non c’è nessuna crisi economica!
Abbiamo la crisi dell’uomo occidentale, quello si !
La crisi del “tuvvoffa’ l’americano medio” !
La crisi, è dentro di noi. Ma solo se gli permettiamo di entrare.

Bisognerebbe iniziare a diventare i propri eroi personali…..costruire i propri sogni, senza seguire quelli degli altri.
Bisognerebbe iniziare ad ascoltarsi di più…..veramente….ed iniziare a darsi un po’ più di fiducia…in se stessi e negli altri, invece di cercare di fottersi l’un l’altro.
Bisognerebbe un po’ tornare bambini, come si suol dire.
Tornare ad essere se stessi, come lo si era quando avevamo 4 o 5 anni, quando non c’erano costrizioni sociali, economiche o razziali ad impedirci di sognare ed ascoltare noi stessi.

La vita è veramente un dono fantastico.
Non sprecarla in un cumulo di cazzate, è il minimo che possiamo fare per rispettare questo regalo che c’è stato elargito.

Forse, alla fine della fiera, il significato della vita è proprio quello di cercare di darle un senso.
Our very own.

be yourself,
and enjoy the ride.

livelifeasanadventure(pp_w650_h433)