Tappa 1: Melbourne. La città che non dorme mai, forse per via di tutto quel buon caffè…

Benvenuti alla prima puntata del mio giro Australiano…numero uno, si potrebbe dire.
Il tutto è iniziato qui da Sydney, un volo con destinazione sud….verso lo stato del Victoria, verso il secondo stato più popolato d’Australia.

TAPPA 1: Melbourne
Il viaggio ha avuto un inizio molto smooth, con un soggiorno di quasi 4 giorni a Melbourne, una delle città più belle qui in Australia ed a mio parere (ed anche dell’ Economist, per il terzo anno a fila) del Mondo.
Melbourne è una città incredibile per diversi aspetti, a cominciare secondo me dalla sua intensa inclinazione all’arte, allo sport ed al cibo; solamente girare per il centro, tra le varie Arcades, fermandosi per un caffe’, per ammirarne l’immensa peculiarità e bellezza, è un toccasana per la propria giornata.
Melbourne non è una città di mare, anche se alcuni suoi sobborghi si affacciano sull’oceano; è però attraversata dal famoso fiume Yarra che, silente e cupo, dona al centro città quell’aria elegante ma anche misteriosa ed artistoide che solo l’acqua dolce riesce a dare; lungo il fiume, a partire da Dockland (una zona d’uffici tutta nuova che include un piccolo porticciolo) fino a Federation Square, è tutto un fiorire di ristoranti, hotel, centri congressi, cafes, ma anche di personaggi di ogni tipo; la sera infatti, i viali si popolano di artisti di strada, persone che vanno in bicicletta, che fanno jogging, gente in giacca e cravatta o semplicemente a passeggio.
Dall’altra parte del fiume invece esplode la città, con il CBD (Central Business District) ed i suoi palazzi postmoderni tutti colorati e dall’architettura improbabile, piazzati vicino ad antichi edifici vittoriani e chiese dell’800.


In tutto questo “viette” trasversali, o come le chiamano loro Arcades, larghe quanto un’auto, accolgono i passanti stringendoli in un conglomerato di cafes, ristorantini, negozietti, sale da tea, ecc che hanno dell’incredibile; ce ne sono di tutti i tipi e in tutti gli stili…una meglio dell’altra.
Se non sono arcades sono LANES, altre viete ricolme di murales di ogni tipo e colore, che danno una sverzata di nuovo e di originalità anche all’angolo più triste e cupo della città.
Famosa è infatti AC-DC Lane, che prende il nome proprio dalla famosa Band australiana.

Il mezzo pubblico più comodo per viaggiare è il tram, che funziona….è puntuale….ed ti porta ovunque dentro la città ed i sobborghi limitrofi; ti porta perfino anche al mare, dove il sobborgo più popolare si chiama St. Kilda.
Questo bellissimo paesino accoglie i cittadini in cerca di refrigerio e di un buon pasto (ristoranti e cafes OTTIMI E D’ALTISSIMA QUALITA’) durante soprattutto i mesi estivi, o durante le frequenti HEAT WAVES (recentemente hanno avuto 44-45 gradi) che regolarmente colpiscono la città.

I mercati rionali sono praticamente ovunque ed uno meglio dell’altro; questo offre la possibilità ai locali ed ai turisti di comprare prodotti locali e ricercati, di pregevole fattura, che ovviamente vengono un po’ a mancare nel classico supermercato.
Il mercato più famoso è il Queen Victoria Market, aperto tutti i giorni e fornito di ogni tipo di cibaria; un altro molto carino che vi consiglio è quello di Prahram, che opera dal 1864 ed è il più antico mercato di prodotti locali; più piccolo del QVM, ma decisamente di alto livello.

In una città così, non può mancare certo il quartiere italiano, chiamato Carlton, dove c’è la solita sfilza di ristoranti italiani, la maggior parte con nomi abbastanza improbabili ma di facile pronuncia per gli anglofoni, tipo “Papa Gino” o “Bella Napoli” o “Cafe Italia”.
V’è anche una zona “artistica”, che si chiama Fitzroy (corrispettiva di Newtown qui a Sydney), molto carina e piena di ristoranti e cafe tutti strani e dagli stili veramente accattivanti.

Insomma, una città ricca, pulita, moderna, stilosa e con una qualità della vita assolutamente incredibile.
Girare con i mezzi pubblici è possibile e se si vuole la bicicletta è un ottimo sostituto, visto che la quasi totalità della superficie della città è piatta.
Il clima è imprevedibile e si passa da ventate di freddo a caldo nel giro di 10 minuti; togliersi e rimettersi la giacca/felpa è probabilmente l’attività più gettonata dai turisti, mentre invece i locali sembrano non sentire più gli sbalzi di temperatura; li si vede infatti spesso girare in maglietta a prescindere dalle condizioni meteo.

Bene, vi allego quindi ora un po’ di foto così potete farvi spero un’idea della bellezza e della singolarità di questa incredibile città, che è di gran lunga la migliore in tutta l’Australia…..come CITTÀ!
Purtroppo per quanto riguarda le spiagge, non è tra le prime 4…..

pensa te che snob che sono diventato!!
😀

enjoy !

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s